INGA EDULIS

Inga Edulis
Zone USDA


CARTA D’IDENTITA’ DELL'INGA EDULIS

 

La Inga Edulis è una pianta originaria del Sud America appartenente alla famiglia delle leguminose Fabaceae. È ampiamente coltivata, specialmente da amazzoni indigeni, per l'ombra, il cibo, il legname, la medicina e la produzione delle bevande alcoliche. È popolare in Perù, Ecuador, Pernambuco, Brasile e Colombia. Il nome deriva dal sapore dolce e dalla consistenza morbida della polpa. Il tronco è generalmente contorto, cilindrico, di 30 cm o più di diametro e ramificato a 1-2 metri dalla base. Le foglie sono pennate, lunghe 10-30 cm, con 4-6 coppie di grandi foglioline ovali, ciascuna coppia separata da un rachide alato. La fogliolina terminale è membranosa e minutamente pubescente su entrambe le superfici. La pianta Inga Edulis fiorisce e dà i suoi frutti ripetutamente tutto l'anno. I suoi fiori sono di colore bianco, hanno dei grappoli densi e sono di forma tubolare con stami sporgenti. E' una specie coltivata principalmente per i suoi frutti, che sono prodotti periodicamente e quasi continuamente. Gli alberi delle piantine possono iniziare a fruttificare quando hanno solo due anni. I frutti crescono sottoforma di baccelli cilindrici, profondamente striati, lunghi oltre un metro, con 3-5 cm di diametro. Questi baccelli contengono numerosi semi nerastri di 3,5 x 1,2, cm circondati da un anello di cotone dal sapore dolce.

COLTIVAZIONE DELL'INGA EDULIS

 

La pianta si adatta bene a terreni leggeri (sabbiosi), medi (argillosi) e pesanti (molto argillosi). Per quanto riguarda il pH, l'Inga Edulis prospera su suoli acidi e neutri e può crescere bene anche in terreni molto acidi. Può crescere in semi-ombra (sottobosco) o senza ombra. Predilige terreni asciutti, umidi o bagnati e può tollerare bene la siccità. Si adatta a diversi tipi di terreno, anche fortemente acidi, e in grado, come altre leguminose, di attirare l'azoto atmosferico arricchendo il terreno, contribuendo alla sua fertilità. Inoltre, il profondo e robusto sistema di radici aiuta a prevenire l'erosione lungo le pendici delle piantagioni di caffè. Per crescere bene, la pianta ha bisogno di stare in luoghi ben soleggiati e in zone con clima tropicale e subtropicale umido con forti piogge, ma si adatta anche a climi marcatamente stagionali dove si possono verificare anche tre-quattro mesi di siccità.  La coltivazione può essere attuata nei climi temperati caldi, essendo in grado di sopportare, per brevi periodi, temperature fino a circa -4 °C, anche se con qualche danno nella parte aerea. La pianta, se si trova nel suo habitat naturale, non necessita di irrigazione in quanto cresce in zone paludose. In caso contrario, ovvero se viene coltivata in aree asciutte, bisogna annaffiarla regolarmente per due volte al giorno. La pianta, sebbene riesca a sopportare le temperature alte e addirittura può sopravvivere al fuoco, non tollera il freddo rigido e il gelo. Pertanto, se viene pianta in zone soggette a temperature basse, bisogna tenerla al coperto nei periodi più freddi e stendere il pacciame intorno ad essa, in modo da ridurre la temperatura della superficie del suolo e proteggere le radici. La potatura costante può far crescere la pianta fino a 5 metri in più in altezza, mentre i suoi baccelli possono raggiungere fino a 2 metri di lunghezza. La pianta, tuttavia, ha una forte capacità di resistere a potature drasticheL'Inga Edulis sembra essere molto resistente a parassiti e malattie. Piccoli danni possono essere provocati da attacchi fungini durante la fase di semina. Onde evitare questo, quando la pianta è ormai matura può essere defogliata dalle larve dei lepidotteri. Inoltre, le larve della mosca della frutta spesso danneggiano la testa del seme. In alcuni paesi come l'Ecuador, l'Inga Edulis è particolarmente vulnerabile alle infestazioni del vischio.

PROPRIETA’ E UTILIZZI DELL'INGA EDULIS

 

I frutti possono essere di forma dritta, curva o arrotolata, spesso a spirale. Sono di colore marrone, giallastro e verde. La polpa bianca commestibile dei frutti, viene mangiata a mano o usata in condimenti vari per la preparazione dei dessert. La corteccia e il frutto sono usati per l'idropisia e le irritazioni del rivestimento rauco degli intestini. Gli indiani Cuna usavano la pianta come sollievo per il mal di testa. I frutti sono noti principalmente per la polpa dolce e succulenta che circonda i semi. La polpa bianca viene consumata cruda come snack dolce, sebbene sia meno nutriente dei semi. Tuttavia, questi frutti contengono anche dei composti tossici, come gli inibitori della tripsina e della chimotripsina contenuti nei semi di Inga Edulis, che però vengono completamente distrutti attraverso la cottura.


>> Visualizza scheda della pianta
> Zone USDA

Lascia un commento

Accettazione trattamento dati personali secondo i fini riportati in Privacy Policy
Torna a Piante

© 2016 Dennis Botanic Collection | Sede legale: Borgata Gombe, 9 - 12063 Dogliani (CN) | Sede operativa: Viale prof Gabetti, 35 - 12063 Dogliani (CN)
P.Iva 03472610041 | N° REA CN-293371 | Privacy Policy

by SINFOTEC
Mail