RUBUS IDAEUS - Lampone rosso

Rubus idaeus
Zone USDA
Acquista subito >

LA CARTA D'IDENTITA' DEL LAMPONE ROSSO

 

La pianta di lampone rosso il cui nome scientifico è Rubus idaeus trae le sue origini in svariate località del mondo. Cresce ancora oggi principalmente in Nord America, ma anche in Europa, Asia settentrionale e Giappone. Dal punto di vista strutturale le canne che fungono da tronco crescono con cadenza biennale e possono essere con spine o senza. Tuttavia nel primo anno il loro colore si presenta verde, mentre nel secondo assumono una tonalità sul marrone. Dal punto di vista vegetativo le canne di cui si compone la pianta di lampone rosso il primo anno presentano fiori e frutta in cima ad un terzo della loro superficie, mentre nel secondo fiori e frutti si possono notare sul fondo dei due terzi della canna stessa. Le canne tra l’altro possono radicare se a contatto con il terreno, e ciò in genere avviene in prossimità delle punte. Per quanto riguarda le foglie si presentano di un colore verde scuro leggermente sfocato, dall’aspetto rugoso e con bordi dentati sui lobi che oscillano da 3 a 5. La specie è ermafrodita (ha organi sia maschili che femminili) ed è impollinata da api e mosche. La fioritura delle piante di lampone rosso avviene ad inizio primavera ed il periodo ideale per ottenere dei buoni frutti è quello da luglio a settembre; periodi questi ultimi, dettati in funzione della scelta varietale, in quanto esistono varietà unifere e varietà rifiorenti.

LA COLTIVAZIONE DEL LAMPONE ROSSO

 

La coltivazione del lampone rosso richiede terreni leggeri e sabbiosi, oppure medi e pesanti ma di tipo argilloso. In tutti i casi il suolo deve essere umido e ben drenato, con un pH adeguato che varia a seconda delle caratteristiche morfologiche del terreno per cui può essere acido, neutro e basico. I lamponi rossi sono più tolleranti al calore rispetto alla specie che produce quelli neri, tuttavia è importante sottolineare che quando le temperature sono superiori a 36/38° i lamponi rossi necessitano di un'ombra mattutina del 50% e di un'ombra al pomeriggio del 100%. Per quanto riguarda le esigenze di irrigazione la pianta di lampone rosso-Rubus idaeus se non presenta bacche va annaffiata a giorni alterni, ed ogni giorno durante la produzione di fiori e bacche. In questo caso non bisogna lasciare che la pianta si asciughi troppo, per cui il consiglio è di annaffiare un’aria circolare a circa 50 centimetri dalla sua base. Per quanto riguarda invece la resistenza va sottolineato che non presenta particolari restrizioni al freddo eccessivo, e nel contempo sopravvive abbastanza bene in periodi di lunga siccità, ma in questo caso la fruttificazione ne subirà un’influenza negativa. Nelle piante di lampone rosso la potatura è un’operazione essenziale per mantenerle sane ed attive. La proceduta non è affatto complicata; infatti, va limitata soltanto alla potatura di vecchie canne nel periodo di fine estate, ovvero non appena la fruttificazione è finita, o autunno nel caso di varietà rifiorenti, per incoraggiare quindi la produzione di quelle nuove. I lamponi in genere sono molto sensibili alla verticillosi, un fungo che fa deperire le bacche e distrugge tessuti interni della pianta. Per questo motivo conviene evitare la coltivazione nei terreni in cui le piante precedenti avevano contratto questa malattia ed evitare la coltivazione in terreni che hanno ospitato precedentemente Solanaceae.

PROPRIETA' & UTILIZZI DEL LAMPONE ROSSO

 

La pianta di lampone rosso è commestibile quasi per intero; infatti, si utilizza il frutto, la radice e lo stelo. Nello specifico il primo viene consumato crudo o cotto ma anche usato per torte, conserve ecc. La seconda invece in genere si utilizza cotta e nello specifico bollita. Infine lo stelo ed i suoi germogli vengono pelati e mangiati crudi o cotti come fossero degli asparagi. Sempre in merito alle foglie è tuttavia importante sottolineare che si prestano per preparare un delizioso tè alle erbe in grado di sostituire il caffè. Le bacche di lampone rosso della specie Rubus idaeus hanno notevoli proprietà benefiche per il corpo umano; infatti, sono antinfiammatorie, astringenti e si rivelano ottime per chi soffre di patologie legate all’apparato cardiocircolatorio. Le foglie di questa pianta insieme alle radice hanno tuttavia anch’esse proprietà decongestionanti, oftalmiche e stimolanti. Inoltre le radici vengono usate per fare dei gargarismi, per trattare tonsilliti e infiammazioni della bocca, piaghe, congiuntiviti, ustioni e ulcere varicose. Il succo di lampone fresco mescolato con un po’ di miele, crea una bevanda refrigerante da prendere quando si ha la febbre.


>> Visualizza scheda della pianta

Zone USDA

Lascia un commento

Accettazione trattamento dati personali secondo i fini riportati in Privacy Policy
Torna a Piante

© 2016 Dennis Botanic Collection | Sede legale: Borgata Gombe, 9 - 12063 Dogliani (CN) | Sede operativa: Viale prof Gabetti, 35 - 12063 Dogliani (CN)
P.Iva 03472610041 | N° REA CN-293371 | Privacy Policy

by SINFOTEC
Mail