SORBUS AUCUPARIA - Sorbo degli uccellatori

Sorbus Aucuparia
Zone USDA


IL SORBO DEGLI UCCELLATORI: CARTA D'IDENTITA'

 

Il sorbo degli uccellatori, noto anche con il nome scientifico di Sorbus aucuparia, è un albero appartenente alla famiglia delle Rosaceae. Esso ha origine nelle zone settentrionali e centrali del continente europeo, dall'Islanda fino alla Russia: si tratta, quindi, di una pianta in grado di resistere a climi particolarmente freddi. Il sorbo degli uccellatori è così chiamato perché i suoi frutti, molto appetibili per diversi uccelli, erano un tempo utilizzati da parte dei cacciatori per attirare e catturare la piccola avifauna. Il Sorbus aucuparia possiede un tronco piuttosto sottile, liscio e tendente al grigio, che lo rende molto apprezzato come pianta ornamentale. Con il passare del tempo la corteccia assume un colore più scuro e si ricopre di minute fessure. Il sorbo degli uccellatori può arrivare a un'altezza di circa 15-20 m e ha rami elastici, ciascuno con circa 12-15 foglioline seghettate e lanceolate, di un verde intenso. Il fogliame assume in autunno pregevoli tonalità tra l'oro e l'arancione, fattore che accentua il potere decorativo dell'albero in oggetto. La fioritura del Sorbus aucuparia si svolge tra maggio e luglio, a cavallo tra la primavera e l'estate; i fiori sono piccoli, riuniti in infiorescenze, tra il bianco e il crema. Alla fine di luglio si verifica la fruttificazione del sorbo degli uccellatori, con conseguente maturazione tra settembre e ottobre. I frutti del Sorbus aucuparia, dalle dimensioni di circa 9-10 mm, sono contraddistinti da una forma ovale e da un vivace colore rosso corallo. Essi si presentano riuniti in grappoli e contengono in genere tre semi.

LA COLTIVAZIONE DEL SORBUS AUCUPARIA

 

Il sorbo degli uccellatori è di solito coltivato a partire da 450-500 m di altitudine: come già detto in precedenza, tale pianta si adatta bene anche a climi freddi. Il suolo richiesto è fresco, ricco di humus e sostanze nutrienti, concimato all'impianto dell'albero e in autunno per i primi cinque anni. In seguito il Sorbus aucuparia non dovrà più essere fertilizzato, a meno che il terreno non sia particolarmente povero. Si raccomanda di evitare suoli eccessivamente argillosi, i quali potrebbero dar luogo a ristagni idrici dannosi per la pianta. Il sorbo degli uccellatori richiede un'esposizione soleggiata e leggermente ventilata, soprattutto durante l'estate; ad ogni modo cresce bene anche a mezz'ombra. Le irrigazioni devono risultare regolari e costanti nel corso dei primi anni, mentre quando l'albero è adulto possono essere ridotte alla stagione estiva. La straordinaria resistenza al freddo del Sorbus aucuparia fa sì che le temperature del luogo di coltivazione possano scendere fino a -35°. Sono tollerate le nevicate, persino quelle caratterizzate da persistenza del manto nevoso, e le gelate primaverili. È importante, tuttavia, che il terreno di impianto del sorbo degli uccellatori non sia ghiacciato e che l'operazione di piantagione si effettui in inverno, da novembre a marzo. Il Sorbus aucuparia non necessita di frequenti interventi di potatura, in particolare se si parla degli esemplari meno giovani: è sufficiente eliminare eventuali rami secchi o malati. In effetti, il sorbo degli uccellatori può essere soggetto agli attacchi degli afidi che spesso colpiscono gli alberi da frutto, come l'afide lanoso, e a quelli del cosiddetto rodilegno giallo. Quest'ultimo, come suggerisce il nome, scava dei veri e propri cunicoli nella corteccia del Sorbus aucuparia, causando un progressivo indebolimento della pianta. Il sorbo degli uccellatori è sensibile anche alla ruggine, un fungo provocato da condizioni di eccessiva umidità e responsabile di un generale avvizzimento dell'esemplare interessato. Contro i parassiti sono ottimi rimedi naturali quali il macerato di equiseto e l'infuso di aglio, mentre per difendere il Sorbus aucuparia dalle malattie fungine è meglio procedere con anticrittogamici specifici.

PROPRIETA' & UTILIZZI DEL SORBO DEGLI UCCELLATORI

 

I frutti del Sorbus aucuparia, facilmente riconoscibili per il colore scarlatto e per l'aspetto globoso, erano anticamente utilizzati come repellente contro le streghe e le entità maligne. Oggi sono ben noti per le loro proprietà nutrizionali: il sorbo degli uccellatori produce frutti ricchi di glucosio e fruttosio, nonché di fibre e vitamina C. Da essi si ricava un conservante alimentare, l'acido sorbico, e un dolcificante naturale conosciuto come sorbitolo. Un tempo, nei periodi di carestia, tali frutti venivano impiegati per la preparazione di una particolare farina, finalizzata alla panificazione. Gli usi del sorbo degli uccellatori non si limitano all'ambito alimentare, ma si estendono anche a quello medico: dalle bacche si ottengono, ad esempio, maschere contro l'acne e decotti utili per le infiammazioni della gola. La fruttificazione del Sorbus aucuparia, così come la fioritura, possiede inoltre un elevato potere ornamentale. Questo è il motivo per cui l'albero è di frequente usato a scopo decorativo, nei parchi e nei giardini. Oltre ai frutti si adopera spesso il legno del sorbo degli uccellatori, dal quale si estrae un tannino apprezzato da chi si dedica alla concia delle pelli.


>> Visualizza scheda della pianta

Zone USDA

Lascia un commento

Accettazione trattamento dati personali secondo i fini riportati in Privacy Policy
Torna a Piante

© 2016 Dennis Botanic Collection | Sede legale: Borgata Gombe, 9 - 12063 Dogliani (CN) | Sede operativa: Viale prof Gabetti, 35 - 12063 Dogliani (CN)
P.Iva 03472610041 | N° REA CN-293371 | Privacy Policy

by SINFOTEC
Mail